de | fr | it
 Home  Cerca  Sitemap  Login


Cooperazione tra SOB e FFS su due linee a lunga percorrenza

Come comunicato in data 7 luglio, la Südostbahn SOB e le Ferrovie Federali Svizzere FFS hanno deciso che da dicembre 2020 le linee a lunga percorrenza Zurigo–Arth-Goldau, Basilea–Lucerna–Gottardo-Linea di montagna–Bellinzona–Locarno/Lugano e Berna–Burgdorf–Zurigo–Pfäffikon–Coira saranno gestite con materiale rotabile e personale della SOB. Le FFS continueranno a detenere la concessione per queste linee.

 

Quello che invece non è stato comunicato è l’entità dei servizi ferroviari che saranno trasferiti dalle FFS alla SOB. La SOB parla di un raddoppiamento dei servizi di trasporto e di un ulteriore fabbisogno di circa 90 macchinisti (stato attuale: circa 140 macchinisti).

 

Ci sono già pervenute decine di richieste d’informazioni da parte dei nostri membri, in quanto questa decisione potrebbe comportare un eventuale trasferimento di servizi presso alcune sedi FFS, come a Basilea, Lucerna, Arth-Goldau, Coira e in Ticino. Il trasferimento di personale che ne conseguirebbe, soprattutto presso i depositi periferici, è motivo di grande incertezza per i macchinisti direttamente interessati.

 

Le dichiarazioni di Jeannine Pilloud, direttrice di FFS Traffico viaggiatori e membro della direzione del Gruppo FFS, secondo cui il CCL verrà rispettato e che è ancora prematuro esprimersi in merito alle eventuali conseguenze per il personale, non contribuiscono di certo a tranquillizzarci.

 

Da parte nostra, continueremo a seguire da vicino gli sviluppi onde appurare se la prevista cooperazione porterà realmente dei vantaggi per la clientela e per entrambe le imprese. Le sedi in questione e la cadenza dei treni interessati sono in contrasto con l’impiego redditizio delle risorse auspicato dalle FFS. La SOB non esclude la possibilità di prendere in affitto del personale.

 

Alle parti sociali è stato assicurato che saranno coinvolte direttamente nella pianificazione dei concetti operativi.

 

Il VSLF farà tutto il possibile affinché i potenziali trasferimenti di personale non solo avvengano in conformità al CCL, ciò che diamo per scontato, bensì soprattutto secondo modalità socialmente accettabili e su base facoltativa, ciò che è anche nell’interesse dell’azienda.

 

VSLF no. 536, 10 luglio 2017 RG/HG

Anita Rutz / 10.07.2017



© 2013 Sindacato svizzero dei macchinisti e aspiranti  Note Legali  Privacy