de | fr | it
 Home  Cerca  Sitemap  Login


Colloquio tra il responsabile del settore Produzione ferroviaria, la direzione B e il partner HR con le parti sociali e i rappresentanti del personale

Comunicazione a: BLS AG, SEV, transfair e VSLF.

 

Nel corso di un colloquio molto costruttivo, martedì 29.08.2017 i partner sociali e i rappresentanti del personale del SEV/LPV, VSLF e transfair hanno avuto modo di chiarire vari punti e diverse questioni in sospeso insieme a Peter Fankhauser (responsabile del settore Produzione ferroviaria), alla direzione BZ e al partner HR.

Uno dei principali argomenti in discussione concerneva il contenuto dei mansionari dei macchinisti. I diversi partecipanti hanno potuto accordarsi su delle formulazioni comuni che, in stretta concertazione tra il SEV e il responsabile BZZ, verranno adottate anche per la descrizione delle funzioni degli agenti del treno.

 

Si è raggiunta un‘intesa unanime anche sulla questione della prescrizione o meno dei corsi di formazione continua. In caso di importanti modifiche delle PCT, come verificatosi nel 2016, la BLS deciderà insieme alla Conferenza dei presidenti circa la necessità di prevedere degli ulteriori corsi di formazione.

 

Entro la fine di settembre 2017 verranno ultimati i mansionari delle categorie professionali BZL e BZZ e si provvederà a definire con i partner sociali e a notificare l’accordo sulle previste istruzioni.

                   

Il responsabile del settore Produzione ferroviaria ha preso inoltre le seguenti decisioni:

·       Si è deciso di rinunciare all’impiego dei macchinisti per la gestione dell’impianto igienico-sanitario decentralizzato. La BLS cercherà delle altre soluzioni per queste attività.

·       Si è deciso di rinunciare all’installazione del Frontview nel nuovo veicolo (NF), ciò che sarebbe stato fonte di grande stress per i macchinisti e avrebbe sollevato nuovi interrogativi sul piano della sicurezza.

 

Nell’ambito dell’ottimizzazione dei processi di lavoro del personale di locomotiva (progetto OAL), i partner sociali / la Conferenza dei presidenti hanno per contro deciso di rinunciare al tempo di preparazione (1 minuto per servizio) e di definire le pause per il trasporto regionale di passeggeri e il trasporto merci in modo da ottimizzare i costi. Tutti i relativi dettagli vengono elaborati dalla direzione BZ in stretta collaborazione con i partner sociali e i rappresentanti del personale, per poi essere comunicati ai diretti interessati.

 

Peter Fankhauser, responsabile del settore Produzione ferroviaria e membro di direzione, deplora il fatto che talvolta siano stati presentati o comunicati dei progetti che non erano ancora sufficientemente maturi. Per contro sostiene che il „congelamento dei costi“ è uno dei tre obiettivi strategici prioritari del settore Produzione ferroviaria, in quanto il rispettivo budget rappresenta circa la metà del bilancio preventivo della BLS e, pertanto, riveste una grandissima importanza per tutta la società. Per raggiungere questi obiettivi di costo nei confronti dei committenti (cantoni), anche in futuro tutti i collaboratori della BLS AG saranno tenuti ad aumentare ulteriormente la produttività onde garantire la competitività, tuttavia senza penalizzare la qualità e la sicurezza.

Nonostante le pressioni finanziarie, il responsabile del settore Produzione ferroviaria e i partner sociali sono d’accordo sul fatto che le eventuali misure dovranno essere discusse e negoziate con i partner sociali e con la Conferenza dei presidenti in modo tempestivo e trasparente, su un piano di parità e di lealtà.

Tutte le parti coinvolte ringraziano per questo scambio di vedute aperto e costruttivo.

 

Berna, 31.08.2017 BLS AG, SEV, transfair, VSLF

Anita Rutz / 01.09.2017



© 2013 Sindacato svizzero dei macchinisti e aspiranti  Note Legali  Privacy