de | fr | it
 Home  Cerca  Sitemap  Login

Analogamente a FFS Traffico viaggiatori, capita spesso che anche i macchinisti FFS Cargo con minore anzianità di servizio vengano assegnati ad una classe inferiore rispetto a quella che spetta loro di diritto o rispetto all'evoluzione salariale prevista dal rispettivo livello professionale. Per quanto riguarda i colleghi che sono stati assunti ai tempi di Vision 2010 Traffico viaggiatori e che sono passati a FFS Cargo, spesso e volentieri i salari non sono stati riportati correttamente nel sistema salariale di FFS Cargo.

Per permetterci di verificare se vi sono delle discrepanze nell'ambito dei macchinisti FFS Cargo con minore anzianità di servizio, abbiamo bisogno dei dati relativi ai vostri salari.

 

Preghiamo pertanto i giovani macchinisti FFS Cargo - indipendentemente dal sindacato a cui sono affiliati - di compilare il formulario che potranno trovare nel nostro sito e di fornire i dati richiesti sull'attuale posto di lavoro, come pure sul salario di partenza e su quello attuale: www.vslf.com è SALARI GIOVANI MACCH. Tante grazie!

 

Se, grazie alle vostre informazioni, dovessimo riscontrare delle irregolarità, non mancheremo di contattare FFS Cargo affinché questi problemi possano essere appianati.

 

VSLF no. 505, 1° aprile 2016 PM

Anita Rutz / 03.04.2016

 

 


 


 


In assenza di adeguate modifiche dei salari dei macchinisti FFS con meno anni di anzianità, nelle scorse settimane il VSLF ha invitato i nostri giovani colleghi, indipendentemente dal sindacato a cui sono affiliati, di fornirci dei dati in merito al livello dei loro salari. Ringraziamo sentitamente tutti coloro che hanno preso parte al nostro sondaggio.

 

E adesso?

 

Ora provvederemo ad analizzare e confrontare tutti i dati che ci sono pervenuti, al fine di individuare le eventuali discrepanze e sottoporle all'attenzione delle FFS. Emerge già sin d'ora che le differenze più importanti concernono coloro che hanno iniziato la loro attività tra il 2007 e il 2011.

 

Parallelamente agli sforzi del VSLF, anche tre macchinisti hanno raccolto dei dati in materia salariale che sottoporranno alle FFS.

 

VSLF no. 479, 3 luglio 2015 HG/BJ

 

 

 

 


Nel 2009 il VSLF aveva deciso di disdire il sistema «Vision 2010», in quanto reputato ingiusto. L'innalzamento dei salari al valore minimo dopo la formazione era stato proposto dai nostri membri e il VSLF è riuscito a farlo approvare nel corso delle recenti trattative CCL 2014.

 

L'oggetto delle odierne trattative con le FFS riguarda i dovuti adeguamenti, poichè a seguito del passaggio da «Vision 2010» al sistema salariale ToCo e dell'innalzamento dei salari dopo la formazione al valore minimo della curva salariale, i salari dei macchinisti con minore anzianità di servizio non seguono più una giusta logica.

 

Parallelamente all'inchiesta e all'intervento del VSLF, due macchinisti hanno condotto un altro sondaggio e hanno raccolto i dati relativi ai salari dei macchinisti in questione, al fine di soddisfare l'esigenza di un sistema logico e trasparente.

 

Malgrado non si possa non apprezzare questa iniziativa, in qualità di partner negoziale con una certa esperienza dobbiamo sempre fare in modo che gli interessi locali o personali non inneschino una sorta di effetto boomerang con delle ripercussioni negative sul personale di locomotiva. Nella newsletter no. 3 dei promotori di questa iniziativa, in maniera del tutto gratuita sono stati proposti dei compromessi e delle controprestazioni (da 2 a 3 RE per macchinista/anno) ancora prima delle trattative con le FFS e, questo, senza un mandato negoziale. Le trattative devono essere condotte dalle parti sociali e non da singole persone. Non è inoltre sinonimo di professionalità se, contrariamente ai precedenti accordi strategici con la comunità di negoziazione, questi promotori propongono alle FFS dei compromessi che vanno inutilmente ad indebolire la nostra posizione nell'ambito delle trattative.

 

Le FFS hanno riconosciuto che c'è un problema, non da ultimo a seguito del numero insolitamente alto di dipendenti che hanno abbandonato l'azienda e, ancora nel corso dell'autunno, hanno dichiarato la loro disponibilità a prevedere delle trattative con le parti sociali. Per un buon funzionamento dell'esercizio, una politica salariale equa e trasparente è assolutamente nel loro interesse, malgrado la carenza di personale.

 

La newsletter no. 5 del 21 dicembre 2015 dei promotori in questione riporta inoltre tutta una serie di mezze verità e di affermazioni false, motivo per cui pretendiamo che si ponga rimedio a quanto segue:

·      «Alcuni rappresentanti di questi sindacati ora si sono resi conto di avere delle buone opportunità per mietere allori a favore del proprio sindacato. Ecco perchè la nostra presenza alle prossime tornate di negoziazione non è più desiderata [...]»

·      Il nostro obiettivo consiste nell'ottenere un sistema salariale logico. Questo, non solo nell'interesse dei macchinisti direttamente interessati ma, a lungo termine, anche delle FFS. Purtroppo i promotori di questa iniziativa non erano disposti a mettere in campo i dati ottenuti ed offrire un'immagine concreta della situazione. Chi, per finire, miete allori, a noi proprio non interessa; l'essenziale è che i risultati siano giusti. Le intenzioni dei promotori dell'iniziativa riportate nella newsletter no. 3 e la loro inattendibilità per quanto riguarda gli accordi, rappresentano però un potenziale pericolo per le trattative. Ed è per questo motivo che la comunità di negoziazione si è opposta alla loro presenza in qualità di osservatori.

 

·      «[…] Alla domanda se al giorno d'oggi l'affiliazione ad un sindacato sia ancora attuale, non è possibile rispondere in modo generalizzato. C'è però un dato di fatto: i macchinisti che hanno seguito una formazione in questi ultimi 10 anni non sembrano essere al centro dell'attenzione dei sindacati. Tutti voi conoscete benissimo i fatti.»

·      Il VSLF respinge fermamente queste accuse ingiustificate. Il VSLF rappresenta oltre 500 macchinisti FFS che sono entrati a far parte di questa compagnia dopo il 2005 e, personalmente, siamo orgogliosi di poter annoverare molti «giovani» macchinisti che si impegnano attivamente in seno al nostro sindacato e si battono per i nostri diritti. Anche in futuro ci impegneremo, con loro e per loro, con tutta la nostra energia per le nostre fondate rivendicazioni. Il VSLF si riserva di intraprendere delle azioni legali contro queste false accuse che non fanno che nuocere al nostro sindacato e alla comunità di negoziazione e, di conseguenza, mettono a repentaglio i buoni risultati che potrebbero emergere dalle trattative.

 

La responsabilità per le ingiustificate e scorrette differenze salariali dei macchinisti con minore anzianità di servizio è unicamente di FFS Traffico viaggiatori. Alla luce della carenza di macchinisti e della fluttuazione in costante aumento dei nostri giovani colleghi spetta al datore di lavoro trovare una soluzione accettabile.

 

VSLF no. 496, 22.12.2015 HG SG BJ DR

Anita Rutz / 23.12.2015

 


 

Con i precedenti CCL, le FFS potevano assumere chiunque avesse assolto una seconda formazione (per esempio i macchinisti) al disotto del valore di base del rispettivo livello di qualifica. Contrariamente a FFS Traffico viaggiatori, in mancanza di classi di macchinisti questa disposizione non è stata applicata a FFS Cargo.
 
Questo non è più possibile con l'attuale CCL per cui, una volta ultimata la formazione, i macchinisti ora almeno rientrano nel valore di base. In occasione delle trattative CCL, con le FFS si è inoltre pattuito che i salari dei macchinisti FFS V assunti prima del 2015 dovranno essere riesaminati e, se necessario, ritoccati.
 
Macchinisti assunti nel 2012 e nel 2013


I salari dei colleghi assunti da FFS Traffico viaggiatori nel 2012 e nel 2013, quindi in base al vecchio CCL e al disotto del valore di base, quest'anno sono stati portati almeno al valore di base. Anche alla luce delle misure salariali di maggio 2015 adesso rientrano, anche se in misura talvolta minima, in una classe superiore rispetto ai colleghi con meno anni di servizio.
 
Macchinisti assunti presso FFS V tra il 2001 e il 2011


A seconda della regione d'impiego e del deposito, sotto il nome „Z140“ e „Vision 2010“ tra il 2001 e il 2011 FFS Traffico viaggiatori ha assunto nuovi macchinisti appena formati a dei salari più bassi. A tutt'oggi, questi colleghi non sono ancora riusciti a recuperare lo svantaggio dovuto ai salari di partenza più bassi, in quanto nel 2011 sono stati poi integrati nel sistema salariale „ToCo“ e non hanno beneficiato di alcun adeguamento.
 
Linea d'azione del VSLF


In occasione dell'Assemblea generale del VSLF che si è tenuta lo scorso mese di marzo a Zurigo, il VSLF ha presentato una risoluzione all'attenzione delle FFS con cui chiedeva un riesame e l'eventuale adeguamento dei salari dei macchinisti più giovani. Prendendo come spunto l'attuale CCL, le FFS hanno espresso parere negativo.
 
Per poter avanzare delle ulteriori richieste nei confronti delle FFS e portare avanti gli accertamenti giuridici che sono stati avviati, dobbiamo necessariamente disporre di dati concreti.
Preghiamo pertanto i giovani macchinisti FFS di compilare il formulario che potranno trovare nel nostro sito e di fornire i dati richiesti sull'attuale posto di lavoro, come pure sul salario di partenza e su quello attuale: www.vslf.com / SALARI GIOVANI MACCH. Tante grazie!
 
VSLF no. 478, 21 maggio 2015 BJ/HG
Anita Rutz / 19.05.2015

 

 


Dopo quattro cicli di trattative intensi e costruttivi, le parti sono giunte a una soluzione riconosciuta da entrambe.

 

Salario del personale di locomotiva del settore Condotta dei treni P assunto di recente

Al salario del personale di locomotiva di P-OP-ZF assunto di recente saranno apportate delle correzioni. Gli adeguamenti del salario avverranno il 1° maggio 2016. Saranno adeguati i salari del personale di locomotiva che è stato assunto tra il 1° gennaio 2006 e il 31 dicembre 2012. Requisiti per gli adeguamenti sono un salario attuale inferiore alla curva salariale definita e un rapporto di lavoro a tempo indeterminato e non disdetto al 1° maggio 2016. Le collaboratrici e i collaboratori interessati saranno informati per iscritto nel mese di maggio 2016.

 

Complementi alla BAR di Condotta dei treni

Le parti hanno concordato di completare la BAR di Condotta dei treni. I complementi comprendono tre aspetti: attività al di fuori dei turni, Briefingtool e app LEA. L’attuazione avverrà per tutti e tre i punti il

1° maggio 2016.

 

Attività al di fuori dei turni (TAT)

D’ora in poi i tempi di lavoro per l’apprendimento autonomo, gli appuntamenti presso il MedicalService e il colloquio di gestione e di sviluppo vengono definiti come attività al di fuori dei turni. Per ogni collaboratore e anno sono possibili al massimo 16,4 ore. A tal fine, sarà gestito nel corso dell’anno un conto «Attività al di fuori dei turni» (TAT). Alla fine dell’anno, i tempi saranno contabilizzati nel conto CTS. In caso di saldo positivo del conto TAT, saranno contabilizzati nel conto CTS almeno 492 minuti. La compensazione del tempo in caso di saldo inferiore avverrà sul conto DAL.

Come fase transitoria sino all’attuazione al 1° gennaio 2017, i tempi di lavoro per le attività al di fuori dei turni saranno conteggiati direttamente nel conto CTS. Dal 1° gennaio 2017, sarà adottata la gestione del conto del tempo TAT. Le visite dal MedicalService e i colloqui di gestione e di sviluppo già definiti (in PIPER) non subiscono variazioni.

 

App LEA

D’ora in poi tutto il personale di locomotiva del settore Condotta dei treni Viaggiatori si impegna a sincronizzare la app LEA a ogni inizio di turno, al più presto tre ore prima dell’inizio del servizio. P-OP-ZF crea una comunicazione SAV e adatta le direttive corrispondenti.

 

Briefingtool

All’inizio del lavoro il personale di locomotiva consulta il Briefingtool. Verifica il turno e il numero di veicolo del primo treno, incluso il relativo avviso al personale di locomotiva. P-OP-ZF crea una comunicazione SAV e adatta le direttive corrispondenti.

 

Entrambe le parti ritengono equilibrato il risultato della trattativa e si rallegrano della conclusione positiva.

 

Per la delegazione alle trattative FFS:                                        

Doris Matyassy, Responsabile HR Viaggiatori

 

Per la delegazione alle trattative delle parti sociali:

Jürg Hurni, Segretario sindacale SEV

Hans-Rudolf Schürch, Presidente centrale LPV

Daniel Ruf, Comitato VSLF

Bruno Zeller, responsabile del settore trasporti pubblici transfair

 

Berna, 8 marzo 2016


© 2016 Sindacato svizzero dei macchinisti e aspiranti  Note Legali  Privacy

 

E-mail per altre comunicazioni o osservazioni:

aumento_salario(at)vslf.com

 


______________________________